15-16-17 gennaio 2021

Riiber: gesto di dominanza con Graabak

Geiger resiste e Germania 2, Nervi tesi Austria

 12.01.2020

Ultima giornata di Combinata Nordica e Salto Speciale in Val di Fiemme
Successo mai in dubbio per Joergen Graabak e Jarl Magnus Riiber
Riessle–Geiger secondi, terzi Greiderer–Fritz, settimi Costa-Pittin
In serata Salto Speciale allo Stadio del Salto di Predazzo
 
Una passata di mano sulla spalla come a dire: “tutto troppo facile”. Jarl Magnus Riiber taglia il traguardo per primo anche oggi al Centro del Fondo di Lago di Tesero, ma è un successo di coppia, visto che il norvegese concorreva con il connazionale Joergen Graabak per il titolo della team sprint di Coppa del Mondo. Una competizione che ha rispettato i pronostici, assistendo alla cavalcata trionfale del duetto norvegese che già nelle gare individuali in Val di Fiemme aveva offerto prestazioni significative (due terzi posti per Graabak, un primo e un secondo posto per Riiber), coronando il tutto con la prova odierna: “Bello essere tornati al top – dice Riiber, - abbiamo dimostrato di essere i migliori e di aver fatto un buon lavoro. Credo che vinciamo perché siamo più intelligenti e ci concentriamo sui dettagli, non perché ci alleniamo più degli altri”. Secondi i tedeschi Fabian Riessle e Vinzenz Geiger distanziati di 43.8 secondi, con quest’ultimo a resistere alla ‘pressione’ di Austria II e Austria I. Ma i due team austriaci si sono fatti male da soli, iniziando a prendersi a male parole sul traguardo per un contatto ravvicinato poco prima della volata finale, che certamente non li ha aiutati a guadagnare qualcosa in più di un terzo e quarto posto. Terza posizione dunque per Lukas Greiderer e Martin Fritz. Il team azzurro giunge invece 7° con la coppia Alessandro Pittin – Samuel Costa, partiti tredicesimi dopo la prima frazione: “Difficile fare meglio di quanto abbiamo fatto – dice Pittin, - però abbiamo sicuramente dato il massimo. Per rifarsi dei pessimi risultati di questi giorni avremmo dovuto fare molto di più, ma era fuori dalle nostre possibilità. Questo fine settimana abbiamo pagato troppo gli errori sul trampolino”. Per Costa il salto di oggi è stato il migliore del weekend: “Nel complesso sono contento della gara, anche nel fondo, anche se il secondo giro ho forse esagerato un po’ e ho pagato perdendo il finlandese, che per noi era un punto di riferimento”. Ottavi “the legend” Eric Frenzel e il compagno di squadra Johannes Rydzek, mentre gli altri azzurri (Italia II) Lukas Runggaldier e Raffaele Buzzi terminano la team sprint in 14.a posizione: “Partivamo con molto ritardo ed è stato un lavoro difficile provare a ricucire” – afferma Lukas, Buzzi concorda: “Abbiamo recuperato abbastanza, anche se avremmo potuto essere più veloci se avessimo trovato il trenino giusto. E dire che in mattinata allo Stadio del Salto di Predazzo si erano distinti i due nipponici Ryota Yamamoto e Akito Watabe, eccellenti frazionisti, ma il vantaggio racimolato sui favoritissimi norvegesi Graabak e Riiber era di soli due secondi. In terza posizione a 24 secondi partivano invece i bravi Jens Luraas Oftebro ed Espen Bjoernstad, completando il podio provvisorio e la frazione di Norvegia II. Quarta al salto l’Austria di Klapfer e Rehrl a 29 secondi, quinta la Germania di Riessle e Geiger a 34 secondi, mentre la coppia di grandissimi Johannes Rydzek e soprattutto Eric Frenzel raggiungeva l’ottava posizione partendo ad 1:07 dalla coppia di testa. Tredicesima a 1:55 la coppia azzurra composta da Samuel Costa e Alessandro Pittin, diciassettesima a 2:42 quella di Raffaele Buzzi e Lukas Runggaldier. Disastrosa la performance sugli sci da fondo dei nipponici, in particolar modo di Ryota Yamamoto che annulla di fatto il vantaggio al salto (chiuderanno noni). Male anche il Giappone II di Go Yamamoto - che non rispetta i buoni propositi del suo nome di battesimo - e Hideaki Nagai, giunto 16°. “Father time”, si è soliti dire, la ‘giustificazione’ per tanti forti atleti quando allentano la tensione e non raggiungono più i risultati sperati o quanto fatto in passato. Quando arrivano paternità e responsabilità genitoriali, infatti, capita per alcuni atleti di ‘mollare’, soprattutto dopo aver ottenuto grandi risultati in carriera. Per Jarl Magnus Riiber il figlio è in arrivo, ma a soli 22 anni ha il futuro di combinata nordica davanti a sé. Un commento sulla situazione attuale l’ha fatto Eric Frenzel, probabilmente il più forte combinatista di tutti i tempi (tre ori olimpici, sette ori mondiali e sei argenti, cinque trofei di Coppa del Mondo): “Le ultime due stagioni di Coppa del Mondo non sono state facili. Per quanto riguarda l’oro alle Olimpiadi, per me era l’evento più importante. Gli eventi di tale portata sono ciò per cui mi alleno durante la stagione”.
In serata salto speciale a Predazzo.
 
©Newspower
 
Download immagini TV:
www.broadcaster.it

Team Sprint NH/2x7.5km
1 Norway I 33:19.0 (Graabak Joergen-Riiber Jarl Magnus); 2 Germany I +43.8 (Riessle Fabian-Geiger Vinzenz); 3 Austria II +44.3 (Greiderer Lukas-Fritz Martin); 4 Austria I +45.9 (Rehrl Franz-Josef-Klapfer Lukas); 5 Norway II +1:15.4 (Bjoernstad Espen-Oftebro Jens Luraas); 6 Finland I +1:21.3 (Herola Ilkka-Hirvonen Eero); 7 Italy I +1:35.2 (Pittin Alessandro-Costa Samuel); 8 Germany II +1:38.9 (Frenzel Eric-Rydzek Johannes); 9 Japan I +2:00.6 (Yamamoto Ryota-Watabe Akito); 10 France +2:08.8 (Gerard Antoine-Muhlethaler Laurent)
14 Italy II +2:50.1 (Runggaldier Lukas-Buzzi Raffaele)
 


torna alla lista

        
archivio news

Partners & Sponsors
FIS Nordic Combined World Cup presented by Viessmann
Local Partners & Suppliers


Newsletter
REGISTRAZIONE Iscriviti per ricevere aggiornamenti dal CO Fiemme Ski World Cup
Diventa nostro fan
Segui gli eventi Fiemme Ski World Cup sui social media
Via Regolani, 6 | 38033 Cavalese (TN) | +39 0462 352013 | Contattaci | P.IVA 01696990223 | tutti i diritti riservati.